Skip to main content

Ricerca scientifica e insulina amiche secolari: 100 anni dalla scoperta di questo ormone che ha rivoluzionato il trattamento del diabete

Notizie dal Policlinico
12 Novembre 2021
copertina.jpg

"Ricerca e Assistenza, un circolo virtuoso che si manifesta sempre più nel sistema sanitario pubblico come al Policlinico diventato IRCCS da più di un anno" - commenta Chiara Gibertoni

Per celebrare il centenario a Bologna nasce il primo parco pubblico europeo dedicato agli scienziati scopritori dell'insulina.

L'area verde è stata inaugurata oggi e sorge in una zona periferica del quartiere di Borgo Panigale. Presenti il sindaco di Bologna Matteo Lepore, il presidente dell'associazione AGD Bologna Salvatore Santoro, Chiara Gibertoni e il prof. Romano Prodi.

Per non dimenticare la scoperta dell’insulina, ormone che ha permesso di salvare la vita a milioni di persone di ogni età con diabete, soprattutto bambini e adolescenti in tutto il mondo, il parco è dedicato ai quattro scienziati Banting, Best, Macleod, Collip, che verranno ricordati con una targa commemorativa.

L’inaugurazione del parco bolognese fa parte di un programma di iniziative coordinate dall’Associazione Agd Bologna in occasione del Centenario della scoperta dell’insulina (1921-2021) e della Giornata Mondiale del Diabete, che si celebra il 14 novembre.

L'obiettivo del progetto è quello di creare, all’interno del Quartiere e più in generale sul territorio, un punto di riferimento per tutte le famiglie colpite dal diabete, in particolare diabete tipo 1, sostenendole durante il periodo iniziale dell’esordio, garantendo loro una formazione per uno stile di vita equilibrato, attraverso una vita sana e l’attività sportiva.

All'interno dello spazio verde, un percorso salute accompagnerà i cittadini con eventi di divulgazione scientifica, iniziative culturali e occasioni di dialogo e confronto con specialisti e professionisti

Tantissime le attività che potranno svolgersi nel parco:

  • Educazione alimentare
  • Sport e attività all’aria aperta come occasione di socializzazione
  • Formazione di base su diabete e altre patologie
  • Mediazione interculturale
  • Laboratori creativi ed espressivi

A proposito di diabete tipo 1

Il diabete tipo 1 è di origine autoimmune ed è la conseguenza di una distruzione, relativamente rapida, delle cellule del pancreas che producono insulina. La distruzione è operata da sostanze (anticorpi, citochine) prodotti dalle cellule del sistema immunitario dell’organismo probabilmente in risposta ad un virus o a uno o più tossici presenti nell’ambiente (alimenti?). Per questo tipo di diabete è assolutamente necessaria la terapia con le iniezioni di insulina perché in poco tempo l’organismo non produce più insulina (carenza assoluta di insulina). Il diabete  tipo 1 compare soprattutto in bambini, adolescenti, giovani adulti e raramente inizia dopo i 40 anni. Esiste una variante del diabete tipo 1 che si chiama LADA (Latent Autoimmune Diabetes of the Adult) in cui l’attacco autoimmune alle cellule che producono insulina è lento e meno imponente e la malattia si sviluppa nell’arco di anni, comparendo in età più avanzata rispetto al classico diabete tipo 1, e in cui sono presenti alcuni caratteri clinici del diabete tipo 2 (ad esempio la possibilità di cura con farmaci orali per molto tempo.

L'Associazione Giovani Diabetici di Bologna (AGD)

L'AGD Bologna (Associazione Giovani Diabetici della Provincia di Bologna - ODV) è un'Associazione di Volontariato senza fini di lucro, composta da bambini e ragazzi con Diabete di Tipo 1 e dai loro genitori. Nata nel 1981, ogni anno organizza 4 campi didattici insieme ai pediatri del Sant'Orsola. Garantisce l'assistenza infermieristica nelle scuole di Bologna e provincia, grazie ad una convenzione stipulata con il governo locale.

Il Comunicato Stampa della Regione Emilia Romagna sulla Giornata mondiale del Diabete 2021