Skip to main content

Centro di Riferimento Regionale per le Emergenze Microbiologiche - CRREM

Notizie dal Policlinico
5 Maggio 2008

E’ stato presentato alla stampa il Nuovo Centro regionale per le Emergenze Microbiologiche - CRREM dell’Unità Operativa di Microbiologia diretta dalla Prof.ssa Maria Paola Landini dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, Policlinico S.Orsola Malpighi, di cui è Responsabile il Prof. Vittorio Sambri.

Conferenza

“Il Laboratorio CRREM venne istituito – ha spiegato la Prof.ssa Landini - già nel settembre 2003 in seguito alle problematiche connesse agli atti di bioterrorismo (buste con sospette polveri di antrace) e fin dall’inizio è stato dotato di un Laboratorio di Livello Biosicurezza 3, cioè di un locale, separato rispetto ad altri, che non consente alcuna fuoriuscita accidentale di microrganismi che vi sono maneggiati, né con l’aria espulsa o con le acque reflue, né, tanto meno accidentalmente vista la costante depressione rispetto alla pressione atmosferica esterna.
All’interno vi opera personale specificatamente addestrato sia per lo studio in sicurezza di microrganismi sia per l’utilizzo costante dei dispositivi di protezione individuale necessari (tute e maschere per la protezione rispetto a contaminazione accidentale di cute e apparato respiratorio).
Nel corso della sua operatività passata il CRREM ha garantito la possibilità di diagnosticare, in regime di pronta disponibilità 24 ore al giorno su tutto l’arco dell’anno, le differenti infezioni che hanno costituito un rischio emergente per la salute dei cittadini, fra cui le principali sono state antrace, SARS ed influenza aviaria. I tempi medi di risposta forniti sono stati inferiori alle 24 ore dal ricevimento dei campioni biologici su cui eseguire gli accertamenti diagnostici e questa celerità ha consentito di approntare tutte quelle misure epidemiologiche e di sanità pubblica indispensabili per impedire la diffusione delle malattie.
Nell’agosto del 2007, il CRREM è stato a pieno titolo coinvolto nel lavoro diagnostico e di controllo dell’epidemia da virus Chikungunya – veicolato dalla cd. zanzara tigre - che si è sviluppata nella nostra Regione.
Sulla base della necessità di incrementare le possibilità diagnostiche per questa infezione sono state sviluppate diverse metodologie e nel periodo tra l’agosto e l’ottobre 2007 il numero totale degli esami svolti è stato superiore a 1500.
La tempestività delle informazioni diagnostiche fornite ha consentito di attuare in tempi brevi (entro 24 ore dalla segnalazione di possibile caso di infezione) le misure di disinfestazione contro la zanzara tigre che rappresentano la principale garanzia di contenimento dell’epidemia.”

Al fine di aumentare le possibilità operative del CRREM, - ha precisato l’Assessore Giovanni Bissoni - la Regione Emilia Romagna ha finanziato per €500.000= l’allestimento del Nuovo Laboratorio, oggi presentato, nonché l’arruolamento di ulteriori unità di personale tecnico e specialistico (2 biotecnologi, 2 biologi, 3 tecnici di laboratorio).
Questo ampliamento consente di effettuare fino a un massimo di 300 accertamenti diagnostici nell’arco delle 24 ore. Le metodologie disponibili vanno dalle tecniche di biologia molecolare che consentono di individuare in fase precoce la presenza dei virus nel sangue (fase viremica infettante) a quelle sierologiche (per la diagnosi in fasi più ritardate delle infezioni) fino alla possibilità di isolare i virus su colture cellulari.
Le linee diagnostiche disponibili ad oggi sono dedicate a Chikungunya, Dengue, Febbre Gialla, Virus West Nile, oltre al mantenimento di quelle già sviluppate e rese disponibili in passato.
La operatività diagnostica del CRREM non resta però limitata ai casi sospetti provenienti dal territorio regionale ma è stata recentemente offerta anche pazienti sospetti residenti in regioni limitrofe (Marche) ancora non dotate di strutture diagnostiche di livello comparabile.”

“Il CRREM, certificato dal Robert Kooch di Berlino, – come ha sottolineato il Responsabile del Laboratorio Prof. Sambri - è anche impegnato in Progetti di ricerca relativi a queste infezioni, trasmesse dalla zanzara tigre ed emergenti nel Nostro Paese e ha in atto collaborazioni scientifiche con diverse Istituzioni italiane e straniere. Recentemente sono stati pubblicati importanti lavori scientifici relativi alla recente epidemia da Chikungunya virus in Romagna pubblicati su prestigiose riviste come The Lancet e Clinical Infectious Disease.”

Il Responsabile del CRREM Dott. Vittorio Sambri è membro del Comitato Regionale per la Sorveglianza ed il Controllo della patologie trasmessa dalla zanzara tigre e del “Chikungunya Working Group” (gruppo di lavoro interdisciplinare per la ricerca su questa patologia).

Taglio

Oltre all’Assessore Bissoni, alla Prof.ssa Landini e al Prof. Sambri alla Conferenza Stampa hanno partecipato : Pierluigi Macini, Responsabile del Servizio Sanità Pubblica della Regione Emilia Romagna, Bruno Cola, Direttore del Dipartimento di Emergenza-Urgenza, Chirurgia Generale dei Trapianti, Augusto Cavina, Direttore Generale, Franco Walter Grigioni, Direttore del Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina di Laboratorio del Policlinico Sant’Orsola-Malpighi.