Skip to main content

Donazione dell’Associazione “Yuri, una vita che continua…” al Centro di Riferimento Trapianti dell’Emilia Romagna

Eventi
27 Marzo 2009
Intervento della dott.ssa Ridolfi

L’Associazione “Yuri, una vita che continua…” quest’anno ha deciso di sostenere il “Progetto Sant’Orsola - il trapianto, la vita continua” che prevede l’acquisto di una poltrona su ruote per il trasporto di chi non riesce a camminare e di un carrello endoscopico che permette di effettuare endoscopie al letto del paziente ricoverato. Queste apparecchiature verranno acquistate grazie alla donazione di 4.000 euro, donata dall’Associazione “Yuri, una vita che continua…”al Centro di Riferimento Trapianti dell’Emilia Romagna. Tale somma è parte del ricavato della III edizione della manifestazione di pattinaggio “Yuri una vita che continua… Concerto su Otto Ruote”, svoltasi il 25 gennaio 2009 al Palasavena di San Lazzaro.

La nascita del “Progetto Sant’Orsola - il trapianto, la vita continua” non è casuale, ma prende avvio da un avvenimento tragico che il 31 gennaio 2006 ha visto scomparire a soli 22 anni Yuri Bernardi, campione europeo di pattinaggio a rotelle in coppia con la sorella Alice. Nel rispetto di quanto avrebbe voluto Yuri, la famiglia ha deciso di donare gli organi per aiutare altre persone. Proprio da qui nasce l’idea di questo progetto il cui obiettivo è quello di acquistare attrezzature mediche per sostenere alcune attività relative alla donazione degli organi e per migliorare le condizioni di vita dei trapiantati in ambito ospedaliero.

La realizzazione di tale progetto è stata possibile grazie alla stretta collaborazione con il Direttore Generale del Policlinico, dott. Augusto Cavina e con la dott.ssa Lorenza Ridolfi, Direttore del Centro Riferimento Trapianti, che hanno anche presenziato alla manifestazione del 25 gennaio.

Intervento del dott. Augusto Cavina