Skip to main content

Il 17 novembre si celebra la Giornata Mondiale della Prematurità

Notizie dal Policlinico
17 Novembre 2020
Giornata mondiale nati prematuri

In occasione della Giornata Mondiale della Prematurità, il "Gozzadini” -  l'ospedale pediatrico del Policlinico - si illumina di Viola, colore simbolo della Prematurità, per sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi che una nascita prematura comporta, informare sulle strategie di prevenzione e promuovere la ricerca scientifica insieme a una cultura attenta al bambino e alle famiglie.

Nel mondo 1 bambino ogni 10 nasce prematuro, vale a dire prima del termine; si tratta di soggetti più fragili che necessitano di cure specifiche e attrezzature cliniche complesse e appropriate.


Nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale del Sant’Orsola ogni anno vengono ricoverati circa 350 neonati in situazioni critiche, provenienti da tutta la Regione. Tra questi, circa 50-60 sono nati pretermine con un peso alla nascita inferiore a 1,5 kg.  “Proprio questi bimbi, particolarmente fragili – spiega il Professor Luigi Corvaglia, direttore della struttura  – possono sviluppare complicanze come infezioni, enterocolite necrotizzante o problematiche cardiologiche ed emodinamiche importanti. Terapie tempestive e personalizzate sono capaci di fare la differenza nella prognosi di questi piccoli”. Per molte settimane il piccolo necessita di cure continue di alta intensità e complessità e, negli anni successivi, di interventi a sostegno dello sviluppo psico-motorio.


Oltre ai medici e a tutto il personale sanitario il reparto può contare sulla collaborazione dell'Associazione CucciolO, a fianco delle famiglie, per assicurare ai neonati prematuri la migliore assistenza possibile e offrire supporto ai genitori dei piccoli.