Skip to main content

La Musica che cura

Notizie dal Policlinico
11 Febbraio 2020
nava.jpg

C’è una medicina che fa bene e non ha effetti collaterali: si chiama musica. E la cura è ancora più efficace se si suona dal vivo. Nel reparto di Pneumologia e Terapia Intensiva del Policlinico diretto dal Prof. Stefano Nava i medici suonano dal vivo violini, arpa e Hand pan per il benessere dei pazienti.

Di questa esperienza condivisa da malati, medici e studenti di medicina, ne ha parlato l'inserto del Corriere della Sera, Corriere Buone Notizie.

"L'effetto della musica è ampiamente riconosciuto nei malati respiratori - afferma il prof. Nava - e la registrazione dei parametri conferma gli effetti benefici. "Abbiamo fatto una decina di concerti in Terapia Intensiva - continua il porfessore - e ogni volta, prima e dopo il concerto, si è misurata attraverso macchinari e alcuni test specifici la frequenza respiratoria, cardiaca, la pressione arteriosa, la dispnea (ovvero la mancanza di fiato e la difficoltà di respirare) e lo stato d'ansia.
I risultati degli studi sono evidenti:dopo la musica dal vivo si registra sempre un miglioramento, una forma di rilassamento che fa abbassare i parametri pre-musica".

Per leggere il servizio completo e guardare il video