Skip to main content

L'infettivologo a scuola. "Spieghiamo ai ragazzi come difendere i nonni"

Notizie dal Policlinico
22 Ottobre 2020
15672306-.jpg

Luciano Attard, infettivologo del Policlinico e padre di due figli, racconta al Corriere di Bologna quali comportamenti consigliare agli studenti fuori e dentro le classi. "Il momento è molto delicato, l'onda del contagio è in salita. Per questo ognuno deve fare la sua parte, anche i nostri figli"
Sono queste le parole rilasciate da un padre di due figli, nonché infettivologo del Policlinico di Sant'Orsola, Luciano Attard, al Corriere di Bologna, dopo aver incontrato dirigente e genitori della scuola dei suoi ragazzi.

"Non sono particolarmente favorevole se i miei figli chiedono di invitare qualcuno a casa. Attualmente tenderei a rispondere di no, analogamente se mi chiedono di andare a casa di altri. Loro si incontrano sul web, spesso fanno i compiti con questi mezzi. Il momento è molto delicato, dobbiamo stare tutti attenti"
"È il momento in cui ognuno deve fare la sua parte. E non è il momento del superfluo".

I ragazzi devono essere consapevoli che "certi comportamenti rischiano di ritorcersi contro se non proteggi te stesso e gli altri" e allora, dato che la scuola attualmente è il posto più sicuro per i nostri figli,  Attard consiglia di "comportarsi sempre come se fossero in classe:
- Indossa la mascherina, sempre
- Igienizza le mani
- Mantieni la distanza di sicurezza
- Evita assembramenti
- Scarica l'App Immuni


Leggi l'intervista: https://tinyurl.com/y4k4y362