Skip to main content

Lotta alla sepsi

Campagne di comunicazione/informazione
8 Settembre 2017
sepsi.png

Mercoledì 13 settembre è la Giornata mondiale contro la sepsi, sindrome che definisce un'infezione come grave, potenzialmente mortale e in crescita.
La sepsi colpisce infatti oltre 26 milioni di persone in tutto il mondo ed è la principale causa di morte nei bambini, più di 5 milioni ogni anno.

Il 92% dei casi di sepsi hanno origine nella comunità ed ha un'incidenza superiore all'infarto miocardico e alla patologie neoplastiche. La prevenzione della sepsi è rappresentata dalla prevenzione e cura appropriate delle infezioni, dal corretto utilizzo degli antibiotici, dal lavaggio delle mani, dalle vaccinazioni consigliate.

La SIAARTI (Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia Intensiva) nella giornata mondiale della sepsi ha organizzato iniziative che mirano all'incremento della conoscenza e della sensibilizzazione dell'infezione nella popolazione italiana. Il Policlinico di Sant'Orsola aderisce alla giornata mondiale contro questa sindrome e per informare e sensibilizzare i cittadini mercoledì 13 settembre, dalle 8.30 alle 16.30 personale medico sarà a disposizione presso il gazebo informativo posto davanti al padiglione 17. In particolare, verrà distribuito un questionario rappresentante la fotografia della conoscenza sulla sepsi da parte della popolazione italiana nel 2017, questionario che sarà il punto di partenza per lo sviluppo di percorsi sociali, scientifici e professionali per la riduzione della mortalità da sepsi.

Il Policlinico di Sant'Orsola ha attivato da tempo una task force multidisciplinare che vede affiancati i team delle malattie infettive, della terapia intensiva e della microbiologia, pronti a intervenire a supporto di ogni caso anche sospetto, senza dimenticare l'importanza delle attività di prevenzione.

In allegatoDimensione
cosa_sapere_e_cosa_fare_per_prevenire_e_curare_la_sepsi.jpg1.37 MB
cose_la_sepsi_-diagnosi_terapia_e_cura.jpg1002.46 KB