Skip to main content

Un nuova vita per Loukas

Notizie dal Policlinico
21 Gennaio 2021
copertina.jpg

Loukas ha due anni e ha subito un complesso intervento di esofago-colon plastica eseguito dall'équipe di chirurgia pediatrica diretta dal prof. Lima. L'Azienda Vivisol e l'Associazione Amaci donano alla famiglia del bambino un ventilatore polmonare che gli permetterà di respirare senza difficoltà al suo rientro a casa dopo la dimissione dall'ospedale.

Loukas ha due anni ed è nato con una grave malformazione congenita, l'atresia dell’esofago, malattia rara che colpisce 1 bambino ogni 3500 nati e consiste nella malformazione del tratto gastrointestinale superiore, dove l'esofago non si connette con lo stomaco e i monconi esofagei sono molto distanti. La malformazione di fatto ostruiva il tratto superiore dell’esofago con la conseguenza che, oltre ad impedire il passaggio di qualsiasi sostanza dalla bocca allo stomaco, comportava il rischio di inalazione di saliva nelle vie respiratorie.

Operato più volte senza successo in Grecia, dove è nato, è arrivato in ottobre al Policlinico; qui l'équipe di Chirurgia pediatrica guidata dal prof. Lima, dopo un primo intervento di esofagostomia cervicale, ha eseguito l’esofago-colon plastica: una trasposizione di intestino per sostituire l’esofago inesistente.

Il delicatissimo intervento chirurgico, con la collaborazione dell'Anestesia pediatrica diretta dal dott. Fabio Caramelli, è durato oltre 10 ore. L'operazione è perfettamente riuscita: ora il piccolo Loukas sta bene ma è tracheostomizzato e al suo rientro a casa dopo la dimissione dall'ospedale, ha bisogno di un ventilatore polmonare per respirare meglio durante le ore notturne.

Grazie alla sensibilità dell’Azienda Vivisol - Società Homecare Provider che eroga ogni giorno prestazioni tecnologiche e sanitarie per terapie complesse e life support a oltre 500.000 pazienti cronici, multicronici e fragili - e dell'Associazione AMACI - Associazione Genitori e Amici Chirurgia Pediatrica "Gozzadini" - il ventilatore polmonare è stato donato alla famiglia; in Grecia infatti i genitori ne pagavano l’affitto con grande difficoltà e il governo greco - che già sostiene le spese del ricovero qui in Italia - non può fornirlo. In questi giorni un tecnico della Ditta insegnerà alla mamma del piccolo, che è sempre stata accanto al bimbo in questi mesi, come usare il respiratore quando rientreranno a casa, in Grecia.

La consegna dell'apparecchiatura è avvenuta alla presenza del Direttore del Policlinico Chiara Gibertoni, del direttore di Chirurgia pediatrica Mario Lima, del direttore di Anestesia e Rianimazione Pediatrica Fabio Caramelli, del Presidente dell'Associazione AMACI Pierpaolo Redaelli e dei rappresentanti dell'Azienda Vivisol.

Leggi l’articolo su Carlino - Bologna