Skip to main content

Marzo mese dell’endometriosi: la fisioterapia del pavimento pelvico per contrastarne i dolori

Notizie dal Policlinico
29 Marzo 2021
endometriosi

Uno studio diretto dal Centro di Endometriosi del Policlinico ha evidenziato che le donne affette da questa patologia e trattate con fisioterapia del pavimento pelvico hanno mostrato un miglioramento significativo nel dolore durante il rapporto sessuale e nel dolore pelvico cronico.

Lo studio recentemente pubblicato sulla rivista Ultrasound in Obstetrics & Gynecology è stato condotto dalla dott.ssa Simona Del Forno, dirigente medico specialista in Ginecologia e Ostetricia presso l'Unità Operativa di Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana diretta dal prof. Seracchioli. Per lo studio sono state arruolate 34 donne di cui una metà è stata sottoposta a 5 sessioni individuali di fisioterapia del pavimento pelvico della durata di 30 minuti cad. e hanno mostrato un miglioramento significativo del dolore durante il rapporto sessuale e del dolore pelvico cronico rispetto al gruppo di controllo. Questo studio ha mostrato come la fisioterapia del pavimento pelvico può rappresentare un'opzione terapeutica valida, innovativa e ben tollerata per le donne con endometriosi, nella prospettiva moderna di una strategia terapeutica multidisciplinare e ‘ritagliata su misura’ sugli obiettivi della paziente.


L’endometriosi è una patologia complessa responsabile di dolore pelvico spesso cronico, con peggioramento della qualità di vita delle donne. Il Centro di Endometriosi del Policlinico, rappresenta il centro di riferimento regionale (Centro Hub) nell’ambito del Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale dedicato all’endometriosi, oltre a costituire da anni un centro di riferimento nazionale ed internazionale per la cura della patologia. Opera oltre il 32% dei casi della Regione Emilia-Romagna e tratta tutti quelli di maggiore complessità. Nel 2020 sono state 2308 pazienti e 166 gli interventi eseguiti. Qui la donna è al centro di un team multidisciplinare che prevede altre figure professionali oltre ai medici specialisti (ginecologi, chirurghi generali, urologi, terapisti del dolore, radiologi), come la psicologa o appunto la fisioterapista.