Skip to main content

Settimo sigillo Europeo per il Centro di Senologia del Sant’Orsola

Notizie dal Policlinico
20 Febbraio 2020
equipe_taffurelli_eusoma.jpg

Il Centro di Senologia del Sant’Orsola ha ottenuto con pieno successo, per la settima volta, la Certificazione di Qualità dalla più importante Società Scientifica europea Eusoma che si occupa di neoplasie della mammella.
La Breast Unit del Policlinico di Sant’Orsola è stata la prima in Emilia-Romagna ad aver ricevuto, già nel 2013, la certificazione che spetta ai Centri che garantiscono elevati standard qualitativi della attività di diagnosi e trattamento della patologia neoplastica mammaria.
E curarsi nei Centri che soddisfano questi requisiti – racconta uno studio pubblicato dal British Medical Journal – vuol dire avere il 18% di possibilità di guarigione in più rispetto a quelle su cui può contare chi si rivolge a un Centro non specializzato. Anche per questo il Centro di Senologia del Sant’Orsola è stata scelta come Centro di riferimento a livello regionale e nazionale per l’estensione delle Linee guida.

Il Centro del Policlinico segue annualmente circa 1.600 donne, tra prime visite, interventi chirurgici, visite di follow up. Gli interventi chirurgici nel 2019 sono stati 628, di cui 344 per carcinomi e i restanti per lesioni a potenziale maligno incerto. Una donna su cinque (22% di pazienti) arriva da fuori provincia e/o da fuori regione. Qui il trattamento, che per Eusoma, dovrebbe iniziare entro 4 settimane dalla diagnosi, inizia in media dopo 20 giorni.

Nella Breast Unit del Policlinico bolognese ogni mercoledì dalle 7.30 alle 9.30 oncologo, radiologo, chirurgo, anatomopatologo, radioterapista e infermiera case manager – tutti professionisti dedicati alla patologia mammaria – esaminano insieme tutti i casi, attivando se necessario altre figure, dal genetista al chirurgo plastico, dallo psicologo al fisioterapista al medico nucleare.

Grazie al lavoro in equipe il Sant’Orsola garantisce la ricostruzione immediata dopo mastectomia, oltre ad un livello avanzatissimo – essendo un Policlinico Universitario – di ricerca traslazionale clinica e di base che garantisce il livello più avanzato delle cure. E’ attivo anche, come Centro di riferimento regionale per l’area metropolitana, un percorso specifico per le donne portatrici della mutazione dei geni BRCA, particolarmente soggette a sviluppare nel corso della vita una neoplasia mammaria.