Policlinico S.Orsola-Malpighi   Regione Emilia Romagna

Programmi di Valutazione Esterna di Qualità

  VEQ - Programmi di Valutazione Esterna della Qualità Programmi di VEQ programmi di standardizzazione programmi VEQ per POCT Notizie su corsi, seminari e iniziative a cura del Programma di valutazione esterna della qualità VEQ Aggiornamento per gli operatori dei servizi di Analisi e Diagnostica a cura del Programma di valutazione esterna di qualità VEQ I contatti e il form da compilare per richiedere informazioni sui Programmi di valutazione esterna della qualità VEQ  
           
 



 
Programmi di standardizzazione
Raccomandazioni SIBioC sulla standardizzazione
del dosaggio della creatinina
Apri PDF
Lettera di raccomandazioni
della Regione Emilia Romagna
Apri PDF





Standardizzazione del dosaggio della creatinina
e valutazione della funzione renale con GFR

Maurizio Capelli - Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna


Il continuo e progressivo aumento di incidenza di pazienti con malattia renale o insufficienza renale cronica è ormai un fatto assodato, si stimano circa 1.000.000 di soggetti di nuova diagnosi ogni anno. In più i pazienti affetti da queste patologie possiedono, in misura maggiore rispetto alla popolazione normale, fattori di rischio per le malattie cardiovascolari come ipertensione,diabete e dislipidemia.
 Il fatto poi che questi pazienti siano in gran parte di età elevata, fa sì che il carico assistenziale diventi sempre più pesante e sia caratterizzato da una forte presenza di comorbidità cardiovascolari e da una cronicizzazione della malattia renale.
Alla luce di queste considerazioni è essenziale adottare una strategia per individuare e curare la patologia renale alle prime fasi, in modo da rallentare la progressione della malattia, prima che sia necessario il ricorso alla dialisi.
A questo primo obiettivo, si associa una importante azione che ha lo scopo di migliorare la  gestione delle risorse economiche che potrebbero subire un notevole incremento dei costi.
E’ ormai assodata l’importanza, ribadita anche da molte Organizzazioni scientifiche, dei test di Laboratorio per la diagnosi del danno renale precoce, in particolare il dosaggio della creatinina plasmatica e la valutazione della Velocità di Filtrazione Glomerulare (GFR).
Dare ai medici un calcolo dell’eGFR ottenuto con i risultati della creatinina affidabili e che rimangono tali per un lungo periodo, aumenta significativamente la loro competenza nella valutazione della funzione renale e nella terapia precoce della stessa.
Non vi sono dubbi circa l’utilità e l’importanza di determinare le migliori condizioni di standardizzazione dei valori della creatinina, fino ad ora i tentativi di dare una risposta a questo problema, non sono state né esaustivi nè concreti.


La proposta

Il Gruppo VEQ dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna in collaborazione con DigitalPT,che è un importante network canadese, propone un Programma di Standardizzazione della creatinina che potrebbe essere una soluzione efficace per risolvere questa criticità.
Il programma consiste in 3 fasi:

  • eGFR baseline per la taratura della rete dei laboratori
  • eGFR calculation per il calcolo corretto del GFR
  • eGFR Monitoring per valutare il mantenimento delle condizioni operative

I risultati ottenuti nelle varie fasi vengono certificate da un attestato che conferma la validazione della prova
L’esperienza effettuata da DigitalPT in Canada è particolarmente idonea a fornire proiezioni sull’impatto che si potrebbe avere ad esempio in Emilia Romagna in quanto la British Columbia presenta molte similitudini con questa regione: entrambe hanno circa la stessa  popolazione e un numero molto simile di strutture presenti sul territorio.
La validità di questa proposta si basa soprattutto su 2 presupposti:

  • la credibilità scientifica del progetto, avvallata da Centri Internazionali di riconosciuta affidabilità
  • i risultati ottenuti con l’esperienza effettuata dal gruppo canadese nella regione della British Columbia sia in termini di qualità analitica che in termini di migliore gestione economica (riferimento articolo pubblicato su J Am Soc Nephrol 19:164-169, 2008 2008) .

I dati riportati nell’esperienza canadese mostrano che a fronte di un investimento di € 220.000 si è ottenuto un risparmio come prestazioni cliniche di oltre 22.000.000 di euro.
In Emilia Romagna è stato attivato un progetto sperimentale per il Programma di Standardizzazione della creatinina a cui partecipano tutti i laboratori pubblici della provincia di Bologna.


Gli obiettivi
  • utilizzare il Programma internazionale di standardizzazione della creatinina per migliorare la qualità delle prestazioni per il dosaggio della creatinina  A tutt’oggi lo stato dell’arte per questo dosaggio mostra evidenti differenze sistematiche nella risposta analitica dei vari metodi che determinano la rilevazione di un elevato Errore Totale e bias analitico che potrebbe portare ad errate classificazioni della patologia. Ottenere una riduzione drastica dell’Errore Totale, (l’esperienza effettuata nella regione canadese della British.Columbia (B.C.) ha ottenuto una variazione da 23,9 a 8.7 %), e del bias analitico (esperienza B.C. dal 16.5 al 2.7%)
  • Ridurre il numero delle errate classificazioni degli stadi della malattia. Sulla base dell’esperienza canadese questa riduzione è pari all’84%.
  • Ottenimento di netta riduzione dei costi: l’intero costo del Programma viene assorbito evitando la dialisi ad un solo paziente.
Catalogo Programmi di Standardizzazione
Apri PDF Scarica ZIP
Regional Implementation
of Creatinine Measurement Standardization
Apri PDF Scarica ZIP
Tariffe e scheda di adesione
Apri PDF Scarica ZIP