Skip to main content

Dai professionisti del Sant’Orsola 16 video per rispondere ai pregiudizi contro i vaccini

Notizie dal Policlinico
18 Aprile 2017
fantastici4_ridotta.jpg

Contengono additivi pericolosi, causano l’autismo, non sono efficaci, sono dannosi se somministrati insieme, sono inutili. Il Sant’Orsola risponde ai pregiudizi contro i vaccini. Lo fa con 16 video nei quali tre professionisti del Policlinico rispondono in modo chiaro e sintetico, spiegando l’infondatezza delle obiezioni degli antivaccinisti e aprendo un ‘filo diretto’ con i cittadini per rispondere personalmente entro 24 ore ad ulteriori dubbi e perplessità.

“Le vaccinazioni – spiega il direttore sanitario Gianbattista Spagnoli – proteggono da patologie che possono portare anche a gravi complicanze. Notizie false e pregiudizi stanno provocando una diminuzione della percentuale di persone che si vaccinano e che vaccinano i propri figli. Tutto ciò aumenta la circolazione dei virus rischiando di danneggiare soprattutto i soggetti più deboli e i neonati che non possono ancora essere vaccinati”.

“Qui al Sant’Orsola – prosegue il direttore sanitario – vediamo gli effetti di questi comportamenti, quando neonati e non solo arrivano da noi anche in condizioni gravi per patologie che grazie ai vaccini erano quasi scomparse. Anche con questa iniziativa vogliamo dare una mano ai genitori ad avere informazioni corrette prima di decidere se vaccinare i propri figli e ci mettiamo a disposizione per fare la nostra parte per chiarire dubbi e perplessità”.

Sul portale del Policlinico – all’indirizzo www.aosp.bo.it/iovaccino – è possibile da oggi trovare i 16 video con cui i professori Pierluigi Viale (direttore Malattie infettive) e Giacomo Faldella (direttore Neonatologia) e il dottor Fabio Tumietto (responsabile Programma controllo rischio infettivo) rispondono a 12 diverse obiezioni. I video saranno veicolati anche attraverso la pagina Facebook del Sant’Orsola. Per dubbi e chiarimenti è possibile scrivere a iovaccino@aosp.bo.it per ricevere una risposta da parte del Policlinico.