Skip to main content

Dal Sant’Orsola due guide per raccontare la malattia ai propri figli

Notizie dal Policlinico
27 Gennaio 2017
raccontami_la_luna.jpg

Un decalogo per aiutare “i fratelli e le sorelle di un bambino affetto da una grave malattia”. E una guida per accompagnare un genitore a raccontare a un figlio la propria malattia. Sono i contenuti dei due volumi “Raccontami la luna” e “Parliamone” nati dall’esperienza maturata nei reparti del Policlinico di Sant’Orsola
, rispettivamente dalle psico-oncologhe Dorella Scarponi, attiva nel reparto di Pediatria diretto dal professor Andrea Pession, e Lucia Polpatelli, al lavoro con le pazienti con tumori ginecologici.

Il volume “Raccontami la luna” è stato curato dalla dottoressa Scarponi insieme a Daniela Santandrea e Roberta Vecchi. “Quando un bambino – racconta – ha il proprio fratellino o sorellina ricoverati per lungo tempo in ospedale, hanno bisogno di immaginarlo, di recuperare una relazione con lui. Senza dimenticare che hanno sempre diritto alla sincerità, ad essere messi in condizione di capire”. Il decalogo inizia con “Ricordati che esisto anch’io” e finisce con “abbracciami”.

La guida realizzata da Lucia Polpatelli prova ad accompagnare i genitori nel compito difficile di spiegare ai figli la malattia di uno dei coniugi. “All’inizio si pensa di risparmiare ai piccoli la sofferenza, ma così rischiano di sentirsi esclusi, traditi dai genitori. I bambini hanno la capacità di cogliere gli aspetti dolorosi della vita, li comprendono. E un tumore si abbatte su tutta la famiglia - che deve reagire come una squadra – non solo su chi si è ammalato”.

Per ulteriori informazioni o per ricevere i due volumi scrivere a: comunicazione@aosp.bo.it

 

 

Per saperne di più: Di Raimondo Rosario, “La malattia da spiegare ai figli: Bologna, i libri di due medici per grandi e piccoli”, La Repubblica , 27 gennaio 2017.