Skip to main content

Nuova energia per il Sant'Orsola nel rispetto dell'ambiente

Notizie dal Policlinico
20 Ottobre 2017
centrale.jpg

La nuova centrale di trigenerazione - realizzata in project financing - serve tutto il Policlinico con un taglio a regime dei consumi energetici del 27% e di emissioni inquinanti del 31%. Sono questi i due principali indicatori che raccontano la capacità della nuova centrale di trigenerazione del Sant’Orsola di soddisfare le esigenze di energia elettrica, riscaldamento e refrigerazione del Policlinico diminuendo drasticamente consumi energetici e inquinamento atmosferico. Un investimento realizzato con una formula innovativa di project financing.

La necessità di rinnovare completamente la dotazione impiantistica del campus ospedaliero nasceva sia dall’usura dell’impianto precedente - realizzato oltre 40 anni fa - sia dallo sviluppo in questi anni di nuove strutture all’interno del Policlinico (Polo Chirurgico e delle Emergenze e Polo Cardio Toraco Vascolare).

Per la realizzazione dell’intervento, dal valore di 37,4 milioni di euro, 4 milioni sono arrivati da fondi statali e regionali, mentre l'importanza del progetto ed il piano economico finanziario messo a punto da Sinloc hanno permesso al raggruppamento di imprese di integrare gli investimenti diretti accedendo ad un finanziamento ventennale erogato dal Fondo Europeo per l’Efficienza Energetica EEEf (primo esempio a livello nazionale di “obbligazioni di progetto - Project Bond”). I lavori sono partiti nel 2012.

Oggi la Cerimonia di inaugurazione alla presenza del Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, del Sindaco di Bologna Virginio Merola, del Rettore dell'Università di Bologna Francesco Ubertini, del Presidente Manutencoop (Capogruppo ATI concessionaria) Claudio Levorato e del Direttore Generale del Policlinico di Sant'Orsola Antonella Messori.

In allegatoDimensione
brochure.pdf4.41 MB