Brachiterapia

Cos’è 

La brachiterapia è un particolare tipo di radioterapia interna, cioè un trattamento impiegato per la cura dei tumori che prevede il posizionamento di piccole sonde radioattive direttamente all’interno del corpo del paziente.

Esistono diverse versioni di questo particolare approccio curativo, a seconda delle condizioni generali di salute del paziente e delle caratteristiche del tumore (localizzazione, dimensione e stadio di avanzamento).

Le sonde, infatti, possono essere molto diverse tra loro. In genere le radiazioni vengono generate da barre di metallo dalla forma cilindrica o a palloncino, grandi quanto un chicco di riso. In base alle esigenze, tali sonde vengono inserite per via vaginale, calate lungo la trachea oppure impiantate all’interno dell’organo colpito dal tumore.

In quest’ultimo caso i medici si avvalgono dell’ausilio di aghi particolari per posizionare il dispositivo, e l’intervento viene eseguito in anestesia spinale o generale e sotto guida ecografica.

I trattamenti di brachiterapia si differenziano anche in base alla durata. In alcuni casi, infatti, le sessioni sono particolarmente brevi (da alcuni minuti a mezz’ora), non richiedono il ricovero e vengono ripetute nel corso della settimana.

In altri, invece, le radiazioni agiscono lentamente e la singola sessione può durare da alcune ore a diversi giorni, durante i quali al paziente viene assegnata una stanza privata in ospedale.

In altri ancora, infine, il trattamento è permanente: le sonde (spesso più di una) vengono collocate nell’organo interessato dal tumore e lì rimangono a tempo indeterminato.

A cosa serve 

Il principio è il medesimo della radioterapia. Le radiazioni, infatti, danneggiano le cellule tumorali, impedendogli di proliferare, mentre al contempo si cerca di preservare o comunque limitare i danni alle cellule sane.

Il posizionamento della sonda all’interno del corpo, e quindi più vicino alla neoplasia da distruggere, risponde proprio a questo obiettivo: colpire in modo più mirato il tumore, contenendo i danni agli altri organi sani.

Percorsi introduzione malattie curate
-
Percorsi introduzione strutture

Non sono presenti strutture coinvolte

-