Angiologia e malattie della coagulazione

Contatti

Tel: 051 2142301  dal  lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.00
Fax: 051 6362517
Mail: angiologia@pec.aosp.bo.it 
Per prenotazioni visite ed esami: angio.prenotazioni@pec.aosp.bo.it

Coordinatore tecnico/
infermieristico
-

L'Unità Operativa di Angiologia e Malattie della Coagulazione ha numerose e diversificate funzioni specialistiche, finalizzate ad affrontare tutte le problematiche relative alla prevenzione, diagnosi e terapia delle malattie vascolari, trombotiche e aterosclerotiche, e alle alterazioni della coagulazione.

Strutture introduzione visite ed esami
-
Strutture introduzione percorsi di cura
-
Informazioni utili 

Assistenza

La funzione assistenziale, diagnostica e terapeutica, dell'Angiologia e Malattie della Coagulazione è mirata ad affrontare tutte le problematiche relative alle malattie vascolari, trombotiche ed aterosclerotiche e le malattie legate alla coagulazione. In particolare vanta una consolidata esperienza nel trattamento del tromboembolismo venoso e arteriopatia obliterante periferica (AOP). 
Il Centro Terapia Anticoagulante Orale è dedicato al monitoraggio dei numerosi pazienti anticoagulati cronici sia in terapia con antagonisti della vitamina K che dei nuovi anticoagulanti orali diretti.
L'Ambulatorio di Esplorazione Vascolare (dedicato alla diagnostica vascolare non invasiva mediante ecocolorDoppler) costituisce un punto di riferimento regionale. 
Particolare rilevanza riveste l'Ambulatorio per le Urgenze Vascolari dedicato ad effettuare senza necessità di prenotazione (con invio diretto da parte del Pronto Soccorso o dai Medici di Medicina Generale) tutte quelle procedure diagnostiche (visita, ecodoppler e altro ancora) tese ad individuare una trombosi venosa o un'ischemia degli arti.

Attività didattica - formativa

I nostri ambulatori sono frequentati da numerosi medici in formazione o specialisti desiderosi di approfondire le problematiche relative alle malattie vascolari e della coagulazione nonchè l'ecografia vascolare.

Attività di ricerca

La ricerca scientifica, in gran parte applicata agli aspetti clinici della prevenzione, diagnosi e terapia della malattia trombo-embolica arteriosa o venosa, è un costante ed importante obiettivo della struttura, come testimoniato dai numerosi lavori scientifici che annualmente vengono pubblicati su riviste di primaria importanza.

Percorsi diagnostici e terapeutici

Percorso 1 = Diagnosi di Tromboembolia Venosa (TEV), terapia della fase acuta, terapia cronica, sospensione della terapia cronica, follow up dei pazienti.

I pazienti con sospetta TEV che giungono nei nostri ambulatori in particolare nell'Ambulatorio Urgenze Vascolari, ( a cui si accede con impegnativa del Medico Curante con urgenza H24)sonon stoopsote a procedure diagnostiche  in urgenza mediante gli esami vascolari non invasivi ultrasonografici  e di laboratorio coagulativo.  In caso di conferma di TEV la terapia è iniziata immediatamente ion ambulatorio, successivamente il paziente è trasferito in Reparto di Degenza o inviato al Pronto Soccorso per ricoveroo preso in carico dal DS Vascolare (se è in grado di deambulare) per gestione ambulatoriale. Si prescrive una calza elastica adeguatamente compressiva (se trombosi agli arti inferiori) e i pazienti sono invitati a camminare.Una volta preso in carico, il paziente sarà valutato  per iniziare al più presto la terapia con farmaci anticoagulanti orale diretti  o terapia con warfarin Couamdin).Per il monitoraggio della terapia anticoagulante (TAO) i pazienti sono indirizzati al nostro Centro TAO che li guida durante tutta la durata prevista del trattamento (solitamente 3 o 6 mesi se si tratta di un primo episodio trombotico). Quando il periodo previsto di trattamento è stato completato i pazienti sono indirizzati alla visita di sospensione  che viene effettuata nell'Ambulatorio dedicato. In occasione di quella visita sono effettuate le indagini necessarie e sulla base della valutazione complessiva delle condizioni dei pazienti viene stabilita la sospensione del trattamento oppure la sua prosecuzione. In caso di sospensione vengono dati gli appuntamenti per le successive visite ed accertamenti.

Percorso 2 = Diagnosi di Arteriopatia Obliterante Cronica degli arti inferiori,  valutazione dei risultati e delle complicanze a breve termine, monitoraggio dei risultati a lungo termine.

I pazienti arteriopatici giunti alla nostra U.O. per visita e/o esami strumentali possono essere indirizzati Ai fini diagnostici di valutazione dei fattori di rischio cardiovascolare e di trattamento farmacologico. In caso di possibilità di rivascolarizzazione, il paziente sarà indirizzato agli ambulatori della Chirurgia Vascolare. In caso di ischemia critica non rivascolarizzabile, con dolore a riposo o lesioni trofiche , il paziente sarà preso in carico nel nostro Day Service Vascolare per eventuali terapia infusionali con prostanoidi e follow-up.

 Percorso 3 = Diagnosi e trattamento del Forame Ovale Pervio in pazienti giovani con vasculopatia cerebrale acuta criptogenetica

La persistenza di un forame ovale pervio, che determina e una patologica diretta comunicazione tra l'atrio cardiaco Dx e quello di Sn, è un'alterazione congenita relativamente molto frequente nella popolazione generale e generalmente benigna . In rari casi soprattutto nei  giovani,  è stata considerata come una condizione favorente la comparsa di eventi ischemici cerebrali. Tutti i soggetti che accedono alla nostra U.O. per la comparsa in età giovanile di eventi ischemici cerebrali, che non hanno trovato alcuna spiegazione in una delle cause più frequenti, vengono esaminati per la possibile presenza di un forame ovale pervio. Il primo accertamento diagnostico consiste nel realizzare un'indagine non invasiva (Eco-Doppler Transcranico con bolle) che consente di escludere o confermare con grande accuratezza la presenza di un forame ovale pervio e di valutarne la possibile importanza clinica. I soggetti con dimostrazione di presenza di un forame ovale pervio clinicamente rilevante vengono indirizzati all'ambulatorio della U.O. di Cardiologia Pediatrica e delle Alterazioni Congenite (diretta dal Dr. A Donti) della nostra Azienda al fine di completare le indagini (anche invasive come l'Ecocardiografia Transesofagea) e concludere circa l'opportunità o meno di procedere alla chiusura del forame con procedura endovascolare che viene realizzata nella suddetta U.O. I pazienti vengono poi periodicamente seguiti negli ambulatori di entrambe le U.O., sia che siano stati trattati con chiusura del forame o con sola terapia antitrombotica cronica, per monitorare i risultati clinici a distanza.

Attività in libera professione

Qualora l’utente esterno desideri prenotare una prestazione ambulatoriale in Libera Professione con un nostro Specialista, può farlo attraverso i seguenti canali:

Ogni professionista eroga in giorni e orari concordati con l’Azienda e le tariffe delle prestazioni sono diversificate per ogni specialista. Le tariffe delle prestazioni sono comunicate al momento della prenotazione.
Di seguito l'elenco dei professionisti che svolgono attività in libera professione:

Programmi, settori, moduli ed altre attività