Medicina del Sonno - Ambulatorio per i disturbi del sonno e Laboratorio di Polisonnografia R

Equipe Tecnici
Tecnici di NFP Ospedale Bellaria

Coordinatrice Infermieristica Ospedale Bellaria
Manola Benedetti

Contatti

Tel. 051 4966990  (da lunedì a venerdì, 9-13.00)

L’attività di Medicina del Sonno sia ambulatoriale che di laboratorio, è stata spostata all’Ospedale Bellaria.

Nella sede del S.Orsola-Malpighi, si effettuano visite per la certificazione della patente di guida, solo per  utenti già presi in carico presso l’ambulatorio  di Medicina del Sonno.

L’attività di Medicina del Sonno si articola in:

  1. Ambulatorio di Medicina del Sonno, in cui si effettuano visite a pazienti esterni e ricoverati.
  2. Laboratorio di Medicina del Sonno, in cui vengono eseguiti esami strumentali polisonnografici per la diagnosi dei disturbi del sonno ed il controllo delle terapie impostate.

Gli obiettivi dell’Attività di Medicina del Sonno sono:

  1. “Valutazione ipnologica” per l’inquadramento clinico dei disturbi del sonno
  2. Quando indicata, diagnosi strumentale con polisonnografia, poligrafia o altre modalità di registrazione con prevalente utilizzo di sistemi di registrazione ambulatoriale (a domicilio del paziente)
  3. Impostazione di un corretto percorso terapeutico, il più possibile personalizzato sul paziente, anche con l’attivazione di percorsi multispecialistici facilitati, resi possibili dalla collaborazione con altri specialisti dell’Azienda Opsedaliera o di altre strutture Universitarie
  4. Controlli Periodici (follow-up) dei pazienti con patologie croniche messi in terapia

Il Laboratorio fornisce le seguenti prestazioni:

  • Polisonnografia notturna completa (Ambulatoriale) per la valutazione e di altri parametri fisiologici durante il sonno
  • Poligrafia con Monitoraggio Cardio-Respiratorio Completo (Ambulatoriale)per la valutazione del Respiro durante il sonno in pazienti con Disturbi Respiratori in sonno non complicati
  • Saturimetria per l’intera notte (Ambulatoriale) per la valutazione dell’andamento della ossigenazione durante il sonno
  • Test Poligrafici di Vigilanza per la valutazione della sonnolenza diurna (nel laboratorio del Sonno durante le ore diurne); eseguiamo due tipi di test simili ma con finalità diverse:
    • Test degli addormentamenti Multipli (MSLT): serve per valutare la facilità ad addormentarsi di giorno e per diagnosticare le patologie con eccesiva sonnolenza diurna
    • Test di Mantenimento della Veglia (MWT) che serve per valutare la capacità di resistere al sonno in situazione monotone diurne e quindi la presenza o persistenza di sonnolenza diurna in un paziente in terapia per un disturbo del sonno
  • Monitoraggio Protratto del Ciclo sonno-Veglia con actigrafo per valutare i disturbi del Ritmo Circadiano
  • Titolazione Ambulatoriale di terapia Ventilatoria con CPAP nei pazienti con Sindromedelle Apnee Ostruttive in Sonno non complicata
  • Polisonnografia in Laboratorio con o senza controllo video (tale esame nel nostro Laboratorio viene eseguito principalmente per protocolli di ricerca).

L’Unità di Medicina del Sonno della Azienda Ospedaliera Policlinico S. Orsola-Malpighi è riconosciuta dall’ Associazione Italiana di Medicina del Sonno come “Centro di Medicina del Sonno”. Tale riconoscimento è un attestato di qualità rilasciato in base alla presenza di specifici requisiti riguardanti la qualificazione del personale, le attrezzature in dotazione e l’attività clinica svolta.

Informazioni utili 

La medicina del sonno

La medicina del sonno è diventata ormai una branca multidisciplinare della medicina che coinvolge, oltre ai neurologi, diverse specialità come psichiatri, psicologi, pneumologi, otorinolaringoiatri, chirurghi maxillofacciali, odontoiatri e pediatri. Le principali patologie di interesse della medicina del sonno sono: le insonnie, i disturbi del movimento e comportamentali durante il sonno, le ipersonnie ed i disturbi della vigilanza, i disturbi respiratori durante il sonno.

  • L’insonnia colpisce circa il 30% della popolazione e per un 10% costituisce un problema cronico. Le cause dell’insonnia possono essere molto diverse: da disturbi psichici molto comuni, come la depressione o i disturbi d’ansia, a problemi neurologici più rari, come la sindrome delle gambe senza riposo o la sindrome da alterata percezione del sonno, ad alterazioni del ritmo sonno-veglia, fino alle insonnie da condizionamento negativo (o cattive abitudini ) dei bambini in età prescolare. È stato dimostrato che l’insonne cronico ha un maggiore rischio per problemi cardiologici e per patologie internistiche ed utilizza maggiormente le strutture sanitarie, sia in termini di visite presso il medico curante, che di ricoveri in ospedale. Inoltre la terapia della insonnia cronica è spesso complessa e se non è impostata correttamente può portare all’uso cronico e all’abuso di farmaci psicotropi.
  • I disturbi motori e del comportamento durante il sonno comprendono tutti quei fenomeni che vanno dai semplici movimenti stereotipati e ripetuti periodicamente durante il sonno (movimenti periodici degli arti), agli episodi di agitazione notturna , al sonnambulismo ed alle crisi, epilettiche e non, nel sonno. In questi casi spesso una registrazione in laboratorio durante il sonno notturno è indispensabile per una corretta diagnosi e quindi una corretta terapia.
  • I disturbi respiratori nel sonno comprendono molte patologie che possono comparire esclusivamente o peggiorare nelle ore notturne. Il più comune è il forte Russamento, considerato spesso un problema banale, ma che può essere il primo sintomo della Sindrome delle Apnee Ostruttive nel Sonno (OSAS), disturbo respiratorio in sonno che colpisce dal 14% al 49% degli uomini adulti. Questa patologia può determinare, una sonnolenza diurna eccesiva , e quando è grave e non curata un aumentato rischio di ipertensione,fibrillazione atriale, scompenso cardiaco e ictus cerebrale. Anche alcune patologie cardiologiche (con scompenso cardiaco) possono associarsi a disturbi respiratori in sonno che influiscono negativamente sulla qualità della vita del paziente e sulla prognosi della cardiopatia. Molte patologie pneumologiche presentano un peggioramento della respirazione e della ossigenazione durante il sonno.
  • La eccessiva sonnolenza diurna ed i disturbi della vigilanza sono un grosso capitolo che va da ipersonnie rare su base genetica come la narcolessia a forme più comuni di ipersonnia su base psicogena; anche i disturbi respiratori nel sonno spesso alterano al qualità del riposo notturno e determinano quindi sonnolenza diurna. Tutte queste condizioni, alterando la vigilanza del soggetto, lo mettono in condizioni di rischio quando sono necessari prontezza di riflessi ed attenzione come ad esempio alla guida dell’auto o nello svolgimento di attività pericolose o di precisione.

Da questa sommaria rassegna dei principali disturbi del sonno risulta evidente come la Medicina del Sonno abbia un importante ruolo, spesso non riconosciuto, nella prevenzione di patologie molto comuni e nel miglioramento della qualità di vita del soggetto che si traduce necessariamente in un minore utilizzo delle strutture sanitarie.

Prenotazioni

Prenotazione visita (per pazienti esterni)

  • via telefono al numero 051 4966990, dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00

È necessaria l’impegnativa del medico di base o specialista.

Prenotazione visita al Laboratorio di Polisonnografia:

Le prenotazioni avvengono solo dopo visita neurologica presso l’Ambulatorio di Medicina del Sonno.