Settore di istodiagnostica e trapianti R

Dove si trova
R
Contatti

Segreteria Istodiagnostica tel. 051 2144546

SERVIZIO FORNITO.

  1. ESAMI ISTOPATOLOGICI su materiale di provenienza dai principali organi e tessuti ottenuti in corso di intervento endoscopico, chirurgico e/o autoptico e successiva formulazione di referto diagnostico. Le diagnosi istopatologiche, oltre alla natura del processo patologico, ne stabiliscono l'estensione su pezzo operatorio al fine di precisare la radicalità dell'intervento chirurgico stesso. In particolare, in caso di neoplasia maligna, il materiale inviato viene accuratamente mappato per elaborare una corretta stadiazione patologica neoplastica al fine di fornire un profilo accurato dello "stato presente" della neoplasia, fondamentale per stabilire la prognosi e la terapia. Per tutti i casi è fornita un'adeguata descrizione del pezzo macroscopico e una descrizione microscopica del processo patologico. Alla fase di campionamento segue la processazione e l'inclusione in paraffina del materiale così ottenuto; dall'inclusione vengono allestite le sezioni istologiche che saranno esaminate al microscopio ottico. Le inclusioni in paraffina e i preparati istologici relativi al suddetto materiale sono archiviati presso il Servizio per i tempi previsti dalla Legge.

    Il referto diagnostico istologico comprende la definizione del processo patologico secondo i protocolli e linee guida internazionali a seconda del tipo di patologia (neoplastica, non neoplastica di tipo degenerativo - infiammatoria o nell'ambito della patologia trapiantologica). In particolare, nel referto istologico di neoplasia maligna sono fornite tutte le indicazioni riguardanti la radicalità dell'intervento chirurgico, grado, stadio ed i caratteri fenotipici e/o genotipici necessari all'impostazione di successivi trattamenti. In caso di patologia infiammatoria-degenerativa, su base immune o in ambito di patologia trapiantologica, vengono segnalati tutti i fattori predittivi, evolutivi e prognostici.
     

  2. RISCONTRO DIAGNOSTICO AUTOPTICO comprende una relazione su tutte le modificazioni patologiche riscontrante nei diversi organi ed apparati nel corso dell'ispezione cadaverica. Nel referto viene riportata la causa di morte ed eventuali comorbidità associate, seguita dall'epicrisi. Quando necessario, la diagnosi è corredata dalla ricerca (istologica) di eventuali agenti infettivi.
  3. SETTORE TRAPIANTOLOGICO. La SSD Diagnostica istopatologica e molecolare degli organi solidi e del relativo trapianto nasce come Centro di riferimento nell'ambito del settore dei Trapianti, dove il servizio svolge:
  1. Per la Regione Emilia Romagna attività h24:
    • attività di reperibilità diurna/notturna, continua durante tutto l'anno, per consulenza relative a problematiche concernenti la valutazione di idoneità e della qualità dell'organo durante le fasi del processo di donazione perseguendo il concetto "espansione dei criteri in corso di donazione" al fine di accorciare il più possibile le liste di attesa di trapianto;
    • attività correlata allo sviluppo e consolidamento verso una buona formazione nell'ambito dell'anatomia patologica sistematica al fine di fornire una adeguata vigilanza in corso della valutazione del donatore e degli organi donati.
  2. Per l’Azienda Ospedaliera di S. Orsola attività di sorveglianza h24:
    • relativa alla lettura di biopsie di controllo di trapianti di fegato, rene e di intestino, allestite con carattere di urgenza e/o emergenza, al fine di impostare la terapia adeguata, con una continua sorveglianza clinica e patologica dei pazienti applicando i criteri codificati nelle classificazioni di Banff in relazione all’applicazione di nuove strategie immunosoppressive rivolte alla tolleranza immunitaria.
Informazioni utili 

Accettazione dei campioni e consegna referti

L'accettazione dei campioni per interni ed esterni e la consegna dei referti avviene presso il padiglione 18

Apertura al pubblico della Segreteria, sia per accesso diretto che telefonicamente, dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.30

Richiesta e ritiro di copia del referto:

  • Chi: Paziente o suo delegato
  • Come
    • personalmente, presentandosi in Segreteria con il  modulo di istanza debitamente compilato. Per ottenere copia del referto occorre pagare il costo della riproduzione, secondo le indicazioni che verranno date in Segreteria.
    • con mail a segreteria.derrico@aosp.bo.it, allegando il modulo di istanza  e il modulo di invio referto via mail debitamente compilati e copia del documento d’identità.
  • Dove: Segreteria (secondo piano)
  • Quando: Dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.30

Richiesta e/o ritiro di preparati allestiti (vetri e/o inclusioni) o sezioni bianche:

  • Chi: Paziente o suo delegato
  • La RICHIESTA può essere fatta:
    • personalmente, presentandosi in Segreteria con il  modulo di istanza debitamente compilato. Per ottenere copia del referto occorre pagare il costo della riproduzione, secondo le indicazioni che verranno date in Segreteria.
    • con mail a segreteria.derrico@aosp.bo.it, allegando il modulo di istanza  e il modulo di invio referto via mail debitamente compilati e copia del documento d’identità.
  • Ritiro:
    • personalmente, presentandosi in Segreteria con il  modulo di istanza  debitamente compilato e con un documento d'identità o delegando terza persona (munita di copia del documento d’identità del delegante)
    • tramite corriere a spese del richiedente, avendo cura di aver riportato correttamente l’indirizzo di consegna nel modulo di istanza  inviato all’atto della richiesta.
  • Dove: Segreteria (secondo piano)
  • Quando: Dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.30