Medicina Interna per il trattamento delle gravi insufficienze d'organo

Contatti

Segreteria tel. 051 2143236
Ambulatori - Barbara Vignudelli e Silvia Galeotti tel. 051 2144900 dal lunedì al venerdì ore 12.00-14.00 - fax 051 6364184

L’Unità operativa di Medicina Interna per il Trattamento delle Gravi Insufficienze d'Organo è strutturata in servizi di competenza specialistica e ultraspecialistica e gode di autonomia funzionale finalizzata alla diagnosi e al trattamento integrato delle patologie acute e croniche severe del fegato e delle vie biliari, in particolare: Epatiti croniche virali, Steatoepatite non alcolica, Epatiti autoimmuni, Epatopatie eredo-metaboliche, Epatopatie colestatiche, Cirrosi epatica e sue complicanze (ipertensione portale), Neoplasie epatiche.  É altresì caratterizzata da intensa attività diagnostica e terapeutica interventistica dello scompenso epatico e diagnostico-interventiva dele neoplasie epatiche. Previa discussione collegiale del caso clinico può offrire ricovero e cura in Terapia Intensiva Trapianti ai pazienti trapiantati di fegato o in attesa di tapianto epatico con problematiche necessitanti di supporto intensivistico.

Presso il Day Hospital si effettua attività diagnostica e terapeutica per lo studio dei Pazienti candidati a trapianto di fegato e il follow up dei pazienti sottoposti a trapianto epatico e per lo scompenso epatico. Si eseguono anche ricoveri brevi per il trattamento delle complicanze dell'ipertensione portale (shunt porto sistemico intraepatico, legatura varici esofagee a richio emorragico, drenaggi addominali e toracici di scompensi refrattari), studio pre-trapianto di fegato, diagnosi/trattamento delle lesioni epatiche (aspirazioni cistiche, biopsie eco o TC guidate, trattamenti percutanei ed endovascolari delle neoplasie), studi diagnostici e trattamenti delle epatopatie colestatiche (ERCP con brushing e/o posizionamento di stent, bilioplastiche e drenaggi biliari percutanei).

L'U.O. è centro di riferimento in Emilia Romagna per il Trapianto Epatico ed afferisce al Programma Aziendale di Trapianto Epatico che si configura come importante momento di incontro interdisciplinare di consolidate competenze plurispecialistiche.

Strutture introduzione malattie curate
-
Strutture introduzione visite ed esami
-
Strutture introduzione percorsi di cura
-
Informazioni utili 

Percorsi diagnostici e terapeutici

Scompenso Epatico - Trapianto Epatico
Presso l'U.O. di Medicina Interna per il Trattamento delle Gravi Insufficienze d'Organo (ricovero ordinario e ricovero in regime di Day Hospital) si effettuano:

  • Valutazione clinico-strumentale del paziente affetto da grave scompenso epatico o neoplasia eaptica.
  • Screening ed inserimento nella lista d'attesa per trapianto epatico
  • Valutazione clinico-strumentale e del paziente affetto da grave scompenso epatico e nefropatia terminale con screening ed inserimento nella lista d'attesa per trapianto combinato fegato-rene.
  • Follow-up del paziente sottoposto a trapianto epatico

In particolare presso l'Unità Operativa il paziente con scompenso epatico viene valutato per:

  • Definire la prognosi
  • Ottimizzare la terapia medica
  • Adottare trattamento chirurgico conservativo (resezione epatica), o percutaneo/endovascolare delle lesioni epatiche. Trattamento conservativo rediologico-interventistico (shunt porto sistemico intreapatico) dello scompenso epatico refrattario.

Nei pazienti di età inferiore a 65 anni o nei pazienti con età maggiore privi di comorbidità significative, con scompenso d'organo refrattario ed attesa di vita limitata o epatocarcinoma su cirrosi, dopo aver escluso patologie che rendano problematico sia l'intervento chirurgico sia il trattamento immunosoppressivo successivo al trapianto si provvede all'inserimento nella lista attiva di trapianto epatico.

Il paziente viene seguito con controlli clinici/strumentali presso l'Unità Operativa in stretto contatto con gli Epatologi/Internisti/Gastroenterologi/Infettivologi referenti e con i Medici Curanti fino al momento del trapianto epatico.

Il percorso assistenziale del paziente sottoposto a trapianto di fegato, dopo la dimissione dalla Terapia Intensiva Trapiantologica prevede:

  • Ricovero presso l'Unità Operativa di Chirurgia dei trapianti (Padiglione 5) per il periodo necessario alla stabilizzazione clinica, durante il quale è seguito in modo congiunto dai Chirurghi dei Trapianti e dai Medici dell'UO della Medicina Interna per il Trattamento delle Gravi Insufficienze d'Organo.
  • Ricovero presso il Day hospital/Ambulatorio dedicato (Padiglione 28) con accessi programmati per effettuare controlli clinici/strumentali e biopsie epatiche, ove necessario, volte ad individuare e trattare rigetti d'organo, infezioni, complicanze della terapia immunosoppressiva o altre patologie di rilevanza clinica.

Attività in libera professione

Il servizio non eroga prestazioni in libera professione.